Logo

02 8715 9553

06 8635 7715

Email

info@teloscrivo.com

Callback

Ti chiamiamo noi!

Articoli SEO per posizionamento, il motore del tuo sito

Scrivere articoli SEO per posizionamento significa rispettare tre criteri fondamentali: avere un contenuto interessante, scrivere in modo persuasivo e applicare strategie SEO-friendly.

Se questi tre principi sono chiari, allora possiamo andare più nello specifico. Se, invece, hai ancora qualche difficoltà a capire come funziona l’algoritmo di Google, ti consiglio di studiarti i siti più famosi e vedere come sono organizzati gli articoli. Una volta che saprai riconoscere un articolo scritto bene secondo le norme SEO, allora sarai pronto per scriverne a tua volta.

La SEO è, riassumendo male, una specie di codice che inseriamo per facilitare la lettura dell’algoritmo. In questo modo Google capisce di cosa parliamo nel nostro sito, ci valuta e decide se premiarci oppure no.

Scrivere articoli SEO per posizionamento è forse l’unico vero modo per scalare la serp e far conoscere il nostro sito. Ecco perché oggi anche i siti e-commerce o i siti che vendono servizi, hanno adottato una pagina blog. Perché questo è il modo più semplice e veloce per attirare i lettori.

Potremmo dire che gli articoli, insieme ai contenuti visivi, sono praticamente la materia prima d’internet. E proprio per questo motivo, il livello di competizione è altissimo, e su un unico argomento possiamo trovare centinaia di articoli. Capirai anche tu, che per distinguersi dalla massa devi lavorare sulla qualità e l’originalità, oltre che sulla SEO.

Dando per scontato che tu abbia già curato tutti gli altri aspetti fondamentali per un sito di qualità (grafica, hosting, velocità…), ecco una lista di consigli per scrivere degli ottimi articoli SEO per posizionamento.

Consigli SEO per scrittura articoli

Esistono due tipologie di approccio sul web: ci sono quelli che vogliono esprimere se stessi attraverso il blog e quelli che tramite il blog vogliono solo acquisire traffico. Per i primi attuare tutte queste tecniche potrà essere più difficile rispetto ai secondi. I primi tenderanno a preferire uno stile di scrittura creativo a discapito della SEO, mentre i secondi si lasceranno andare a una scrittura SEO aggressiva. Va benissimo così, l’importante è avere un’identità precisa e conoscere i propri obiettivi. I primi potranno comunque inserire la SEO, magari in modo più soft, i secondi potranno alleggerirla e imparare a valorizzare meglio il contenuto. In entrambi i casi, i consigli per scrivere articoli SEO per posizionamento saranno molto utili.

Valorizza il contenuto

bloggingValorizzare il contenuto significa, sì, scrivere bene su un buon argomento, ma anche fare attenzione all’impaginazione e supportare il testo con contenuto visivo. Un buon testo è anche un testo ben impaginato, d’altronde, come si dice, l’occhio vuole la sua parte e vale anche in questo caso. Una buona distribuzione del testo, suddivisa in paragrafi, un font leggibile, con un valore adatto anche per l’occhio più miope invoglia subito alla lettura. Devi immaginare l’impaginazione come un accompagnamento alla lettura, che permetta di guidare per reperire le informazioni più importanti.

Dopo l’impaginazione, viene il contenuto visivo. Un articolo con immagini, infografiche e video ha il doppio delle possibilità di essere letto rispetto a una pagina con solo testo. L’immagine di copertina ti servirà poi per attirare il lettore ad aprire l’articolo e quindi a visitare il tuo sito. Cerca di scegliere immagini di ottima qualità, belle e originali; se hai la possibilità, creale tu, altrimenti puoi affidarti alle agenzie di microstock, come Shutterstock o Pixabay.

Regole SEO

  • Keyword: la keyword è la parola chiave attorno alla quale si sviluppa il testo. O meglio, la parola chiave riassume il messaggio dell’articolo e lo comunica a Google. Una buona ricerca delle parole chiave è davvero importante per la scrittura di articoli SEO per posizionamento. Ci sono vari strumenti che ti aiutano in questo, puoi trovarli nel paragrafo Tool e plugin. La parola chiave deve essere ben distribuita all’interno dell’articolo ed essere evidenziata. Oggi l’algoritmo preferisce anche l’uso di sinonimi, piuttosto della ripetizione continua della stessa parola.
  • HI-H2-H3: questi tag indicano i paragrafi. Come abbiamo detto, è consigliato suddividere il testo in varie parti e andrà fatto tramite gli H1-H2-H3. L’H1 va inserito solo nel titolo (che dovrà comprendere anche la keyword), l’H2 potrà essere usato solo una volta, l’H3 a piacimento.
  • Tag Alt: il tag alt è il testo alternativo che identifica e descrive le immagini utilizzate nel sito. Questo tag è fondamentale per l’indicizzazione e il riconoscimento delle immagini. Per inserirlo bisogna andare su modifica immagine, compilare sia il titolo sia il testo alternativo. In entrambi gli spazi bisogna inserire la parola chiave (meglio se all’inizio) ma non su tutte le foto, altrimenti sarà letta come spam. Quindi, sarebbe meglio usare dei sinonimi. Per quanto riguarda il testo alternativo, oltre a scrivere la keyword, bisogna descrivere la foto nel modo più oggettivo possibile.
  • Studia la concorrenza: studiare la concorrenza non significa copiare. Anzi, è tutt’altro, si tratta di fare e scrivere quello che gli altri non hanno fatto e non hanno scritto. Scegli un argomento e leggi come gli altri l’hanno trattato, trova gli errori e le loro mancanze e colmale col tuo articolo. In questo modo Google vedrà che il tuo testo è più completo rispetto agli altri e lo farà salire nella serp.
  • Html: con html s’intende di ottimizzare tutti quegli elementi del linguaggio html come i tag paragrafi e il tag alt, ma anche il title e la metadescription. Questi due fanno riferimento a quella porzione di testo che esce nei risultati di ricerca. In entrambi deve essere inserita la keyword e non bisogna superare un tot di caratteri.
  • Tool e plugin: infine, per capire meglio come si fa tutto quello che ho elencato finora, ci sono degli strumenti che ti vengono in aiuto, come i tool Google e i plugin. In primis, abbiamo Google Analytics e Google Search Console, dove potrai analizzare il funzionamento del sito, il traffico e il posizionamento delle query. Con Google Keyword Planner e SEOzoom, invece, potrai effettuare la ricerca della parola chiave e valutarne il posizionamento. In ultimo, esistono vari plugin che ti aiutano per la SEO, come YoastSEO per WordPress.

Conclusione

Prima di finire, voglio precisare un’ultima cosa: gli articoli SEO per posizionamento sono in primis dei buoni articoli. Come dico sempre, non pensare in ottica SEO, pensa prima di tutto alle informazioni che stai fornendo, fai una ricerca e imposta il testo in loro funzione. La SEO viene dopo. Una volta che avrai tutti gli strumenti in mano e padroneggerai l’argomento, inserire la SEO ti verrà molto più facile.

Per info contattaci oppure fai un preventivo online.