Tel. +39 02 8715 9553 info@teloscrivo.com
Come aumentare i contatti al sito: piccoli suggerimenti

Come aumentare i contatti al sito: piccoli suggerimenti

Come aumentare i contatti al sito: piccoli suggerimenti

Far crescere le visite al tuo sito web è un obiettivo importante ma non è tutto. In generale il traffico fine a se stesso, cioè non funzionale allo scopo per il quale hai creato il sito, non vale molto.

Pertanto è necessario capire come aumentare i contatti al sito in modo intelligente, in poche parole, devi attirare le persone giuste. La tua priorità deve essere quella di accrescere il numero di persone che, visitando le pagine del sito web, si convertono in clienti. Maggiore visibilità, nuovi contatti e attenzione verso quelli già acquisiti sono gli aspetti decisivi per un piano d’azione efficace.

Maggiore visibilità per far crescere i contatti

Aumentare la visibilità del tuo sito web è la prima azione da compiere. Come fai ad acquisire nuovi contatti se le persone non ti trovano? Quindi ottimizzare il sito web per i motori di ricerca (SEO) è fondamentale, per intercettare le richieste degli utenti online e grazie a questo offrire contenuti ai motori di ricerca.

L’email marketing è uno strumento utile per far crescere i contatti. Attraverso le email lasciate dagli utenti sulla landing page, con relativo consenso, puoi gestire un gran numero di nuovi contatti. Inoltre gli utenti sono raggiungibili in modo diretto e, con una campagna di email marketing strutturata, ci saranno possibilità che diventino clienti.

Infine realizzare un blog con contenuti di qualità aumenta le tue possibilità di raggiungere nuovi contatti, oltre a migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Queste sono le principali modalità, ora sai come aumentare i contatti al sito e quali azioni devi fare per iniziare ad avere traffico.

Prendersi cura dei contatti: il remarketing

Il come aumentare i contatti al sito deve passare anche attraverso la gestione degli utenti abituali, cioè coloro che già hanno visitato il tuo sito. Prestare attenzione a questa tipologia di utenza con azioni di marketing mirate è definita remarketing.

Senza entrare negli aspetti tecnici, il remarketing consiste nel raggiungere gli utenti con annunci, promozioni, novità ed aggiornamenti. Queste informazioni li accompagnano durante la loro esperienza di navigazione, stimolandoli a tornare sul tuo sito.

Hai bisogno di aiuto per far crescere il tuo sito e il tuo business? Affidati a chi ha professionalità e le idee migliori.

Contattaci per una consulenza gratuita.

Contenuti di qualità dove e quando acquistarli

Contenuti di qualità dove e quando acquistarli

Contenuti di qualità dove e quando acquistarli

In un sito i testi sono indispensabili per attirare il maggior numero di utenti, acquistare contenuti di qualità è dunque un’esigenza imprescindibile. Inoltre offrire informazioni di valore migliora la presenza online, garantendo un buon posizionamento sui motori di ricerca.

Quasi sempre non è possibile occuparsi direttamente della realizzazione dei contenuti per il proprio sito, sia per mancanza di tempo che di competenze per farlo. La soluzione migliore acquistare contenuti di qualità, affidandosi a chi offre questi servizi.

Ma come si riconosce un testo di qualità e a chi affidarsi? Proviamo a rispondere a queste domande.

Contenuti di qualità: come riconoscerli

Le caratteristiche che deve avere un contenuto ben scritto e che risulti quindi qualitativamente valido sono tante. La correttezza grammaticale è il primo criterio che non deve essere dato per scontato, data la mole di errori/orrori che circolano su internet.

Le altre caratteristiche richieste ad un contenuto di qualità sono:

  • Correttezza delle informazioni riportate nel testo;
  • Coerenza con l’argomento trattato;
  • Originalità.

Inoltre un contenuto di valore deve saper catturare l’attenzione di chi legge e fornirgli le risposte che cerca, in poche parole: deve risolvergli un problema. Il linguaggio e il tono di voce del contenuto devono essere adeguati al target al quale è destinato.

Dove comprare contenuti di valore

Le modalità principali per comprare un contenuto sono: Marketplace, agenzie di comunicazione e freelancer. I primi sono delle piattaforme che mettono in contatto acquirenti di contenuti con diversi freelancer, offrendo servizi e prezzi differenti. Si possono acquistare contenuti già pronti o commissionare un testo su misura, così come decidere il livello qualitativo ecc.

Il tutto è estremamente indiretto e soprattutto economico. Proprio questo è un punto cruciale, in quanto il prezzo basso non sempre coincide con la qualità.

E’ bene sottolineare come i contenuti su internet senza qualità hanno praticamente il valore di un foglio in bianco, risultando addirittura penalizzanti.

Affidarsi a freelancer professionisti oppure ad agenzie di comunicazione è il modo più sicuro per acquistare contenuti di qualità. Si tratta di una collaborazione diretta e che permette di costruire un rapporto di fiducia nel tempo. Inoltre è sempre possibile verificare la serietà e competenza dei professionisti, prima di scegliere a chi affidarsi.

Punti alla qualità? Affidaci i tuoi contenuti e alle parole ci pensiamo noi! Contattaci per una consulenza gratuita.

Posizionamento sito WordPress: cosa fare?

Posizionamento sito WordPress: cosa fare?

Posizionamento sito WordPress: cosa fare?

È il software maggiormente utilizzato per la creazione e gestione dei siti web, il posizionamento sito WordPress è sicuramente una necessità di molti. Questo successo è dato dalla facilità con cui WordPress permette di operare e perché considerato “Google Friendly”.

Infatti molti elementi utili al posizionamento sito WordPress sono già inclusi nella natura stessa del software. Ovviamente questo non è sufficiente a garantire le prime posizioni nei risultati dei motori di ricerca (SERP), in quanto le operazioni da fare sono molteplici.

Le azioni preliminari utili al posizionamento

Il lavoro di posizionamento di un sito è complesso e necessita di tempo. Esso parte a monte del progetto di creazione del sito attuando alcune scelte:

  1. L’hosting (deve garantire velocità di caricamento del sito, fattore valutato dai motori di ricerca);
  2. Il nome del dominio (deve contenere una parola chiave che identifica il settore/attività del sito);
  3. Specializzazione delle pagine del sito per specifiche parole chiave.

Posizionamento sito WordPress: contenuti, social e plugin

I risultati sui motori di ricerca si basano sul flusso di informazioni presenti nel web con l’obiettivo di soddisfare le richieste da parte degli utenti. Di conseguenza i contenuti per un sito sono l’elemento principale in termini di posizionamento.

Realizzare un blog all’interno di un sito è il modo più utile per utilizzare i contenuti ai fini del posizionamento e per raggiungere utenti e potenziali clienti. I contenuti devono essere:

  1. Di qualità, utili e facili da leggere;
  2. Pertinenti con il sito;
  3. Aggiornati con frequenza;
  4. Pubblicati con regolarità;
  5. Ottimizzati con le keyword (organicamente).

Oltre ai contenuti, è importante attuare azioni volte ad accrescere la reputazione e autorità del sito, mediante attività di backlink da fare con altri siti compatibili e pertinenti. In tal senso è immancabile la creazione di account social collegati al sito.

Per un lavoro più efficace di posizionamento sito WordPress, è indispensabile aiutarsi con i plugin messi a disposizione dal software. Il più utilizzato è Yoast SEO che velocizza la gestione e la pubblicazione di contenuti ottimizzati.

Per posizionare un sito il da farsi non è poco, ma rinunciare vuol dire essere tagliati fuori dal mercato online. Noi possiamo offrirti l’aiuto di cui hai bisogno, per maggiori informazioni contattaci.

Posizionamento sito Google: muovere i primi passi

Posizionamento sito Google: muovere i primi passi

Posizionamento sito Google: muovere i primi passi

Quando arriva il momento di creare il proprio sito è importante farlo nel modo giusto, il posizionamento sito Google è appunto fondamentale. Una delle principali preoccupazioni è sicuramente quella di posizionare il sito web tra i primi risultati dei motori di ricerca, Google su tutti, per aumentare la visibilità.

E’ indispensabile lavorare già dal momento in cui si progetta il sito fino al suo debutto in rete (attività on-site), per assicurarsi una buona posizione. Questa è la base sulla quale costruire, poi, il resto della strategia di web marketing per la propria attività online.

Ma quali sono i primi passi da fare e gli strumenti per il posizionamento sito Google?

Come deve essere la struttura di un sito

La struttura di un sito deve essere chiara, semplice e il più intuitiva possibile. Lo schema ad albero è quello più utilizzato, avendo l’homepage al centro (tronco) dal quale si sviluppano le pagine secondarie e terziarie (rami).

Tali aspetti vanno ad incidere sulla User Experience (insieme di sensazioni provate da un utente navigando su un sito e di cui Google tiene conto).

Altri aspetti che influenzano l’esperienza d’uso di un utente sono:

  • Livello di sicurezza nella navigazione;
  • Accessibilità da dispostivi mobili;
  • Qualità dei contenuti.

Gli strumenti gratuiti di Google da usare

Una volta che il sito web è online, è necessario indicizzarlo, cioè inserirlo nel grande archivio digitale di Google. Generalmente il processo di indicizzazione avviene in maniera automatica, ma può essere necessario segnalare il sito a Google. E’ bene, inoltre, creare una Sitemap, cioè una sorta di mappa che fornisce a Google le informazioni più importanti sul sito, facilitandone l’analisi e scansione.

Di grande utilità sono anche gli strumenti di analisi che Google mette a diposizione per i gestori di siti internet, permettendo di monitorare e apportare le modifiche necessarie per migliorare il posizionamento sito Google.

Con Google Analytics, ad esempio, è possibile analizzare in maniera dettagliata con statistiche l’andamento del flusso di visitatori del sito. Google Search Console, invece, consente di verificare l’indicizzazione e migliorare la visibilità del sito.

Questi sono solo un punto di partenza per comprendere come fin da subito si deve ragionare nell’ottica di posizionamento del sito seguendo un percorso coerente e corretto.

Non sai da che parte iniziare per gestire il tuo sito? Contattaci per una consulenza gratuita.

Articoli SEO: perché sono importanti per il posizionamento?

Articoli SEO: perché sono importanti per il posizionamento?

Articoli SEO: perché sono importanti per il posizionamento?

E’ ormai una verità acclamata che il miglioramento del posizionamento sui motori di ricerca dipende anche dalla realizzazione di articoli SEO, creati cioè seguendo le regole di ottimizzazione.

Ma la questione è ben più complessa di così! E’ riduttivo considerare la scrittura SEO una tipologia pensata solo per i motori di ricerca. Di fatto non bisogna dimenticare che le informazioni messe in circolo nel web devono essere pensate innanzitutto per le persone.

Quindi i contenuti devono essere strutturati in maniera tale da facilitare l’incontro tra le domande poste dagli utenti e le risposte che tu sei in grado di fornire con i tuoi contenuti, coinvolgendoli. Offrire ai lettori una grande quantità di notizie interessanti è obbligatorio per sopravvivere nel vasto mondo del web, ma non solo.

Proporre articoli di qualità rappresenta il valore aggiunto di qualsiasi sito web che si rispetti, a beneficio anche del migliore posizionamento, con l’uso di parole chiave.

Questa premessa era doverosa per sottolineare come un aspetto sia strettamente connesso all’altro. Di conseguenza la difficoltà maggiore sta proprio nel riuscire a trovare il giusto equilibrio tra posizionamento e utenti.

Come funziona il posizionamento sui motori di ricerca

I fattori che Google utilizza per scegliere i siti da posizionare ai primi posti della SERP sono davvero tanti, così come le strategie di web marketing da mettere in campo. Infatti non bisogna dimenticare che la realizzazione di contenuti è solo una delle azioni da realizzare in sinergia con un più vasto progetto di web marketing.

Tornando agli articoli SEO la quantità di informazioni che quotidianamente è presente nel web e che Google deve analizzare è davvero enorme! Questo processo di verifica serve al motore di ricerca a capire in che misura le informazioni fornite dai vari siti web soddisfano le esigenze di ricerca. L’obiettivo è dunque ordinare i contenuti partendo da quelli che offrono agli utenti le risposte maggiormente utili, interessanti e attinenti alla ricerca effettuata.

Realizzare contenuti di valore è indispensabile, ma farlo utilizzando le parole giuste lo è ancora di più. Infatti, devi tenere presente che le ricerche sono fatte dagli utenti letteralmente digitando domande e quindi usando determinate parole chiave.

Se stai pensando che, per realizzare contenuti efficaci al tuo posizionamento, basta unicamente scegliere parole chiave da inserire, ti sbagli alla grande. Scrivere articoli pensando solo ai motori di ricerca è l’errore peggiore che tu possa commettere. Infatti, i motori di ricerca sono in grado di riconoscere questo tipo di strategia, penalizzandola.

Inoltre, nell’ipotesi che, con un testo pensato unicamente per i motori di ricerca, tu riesca a posizionarti molto alto nella SERP, quale fruibilità offri ai tuoi utenti?

La soluzione migliore è realizzare testi originali e di qualità, armonizzando al loro interno le parole chiave. Questo è un processo che deve avvenire nel modo più naturale possibile, per accontentare Google ed utenti!

3 consigli per scrivere articoli SEO che piacciono a Google

Ora ti è più chiaro il perché è così importante realizzare testi SEO friendly? Bene, allora ti diamo ancora qualche indicazione generale utile a centrare l’obiettivo e migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca.

Come prima cosa gli argomenti da trattare devono essere interessanti. Per tale ragione è importante essere sempre informati e aggiornati su tutte le ultime tendenze e novità che riguardano il target di riferimento. In poche parole: essere sul pezzo!

Per individuare la parole chiave giusta bisogna usare strumenti di supporto (Seozoom, SEMrush, Google Adwords). E’ inoltre fondamentale partire dalle domande degli utenti: quali parole può digitare una persona per arrivare a quel determinato contenuto?

Infine, il titolo per gli articoli SEO è decisivo, perché riassume l’essenza stessa dell’intero contenuto. Il titolo deve incuriosire ed essere accattivante, in sostanza, spingere alla lettura.

Non preoccuparti se navigare nel mondo della SEO ti sembra impossibile! Con professionalità e competenza, possiamo offrirti il supporto di cui hai bisogno. Non esitare a contattarci per una consulenza gratuita!

Scrittura contenuti di qualità, prezzo e valore servizio

Scrittura contenuti di qualità, prezzo e valore servizio

Scrittura contenuti di qualità, prezzo e valore servizio

Finalmente si ha la sensazione di una maggiore attenzione, sì in merito alla scrittura contenuti di qualità ma anche al valore degli stessi. I contenuti web, come possono essere articoli, post, redazionali o guide, sono il motore di ogni sito. Infatti, non a caso è crescente la richiesta di articoli e post, perché molti con qualche ritardo capiscono quanto sono importanti. In ogni buon sito, la parte predominante relativa alla sua composizione deve essere di circa il 70% relativa al testo.

La scrittura contenuti di qualità ha una sua rilevanza ai fini SEO, a Google piace “leggere” testi interessanti e ben scritti. Ed è per questo che poi premia i siti che propongono contenuti buoni e soprattutto utili per il lettore. Vediamo i motivi per cui è bene strutturare un sito web con testi rilevanti e ben elaborati. La domanda che spesso molti si pongono è; “ma quanti articoli devo pubblicare e per quanto tempo?”. La risposta è, periodicamente sempre! Almeno fino a quanto avrai un sito e vorrai mantenerlo in “vita” online!

Sono utili i contenuti per il SEO?

No, i contenuti per il SEO sono INDISPENSABILI, secondo alcuni “guru” i soliti … I contenuti non sono importanti, basta giusto qualche trucchetto e key qua e là! La solita presunzione di qualche “uebbemaster” rimasto agli anni ’90. Per Google la cosa più importante è il contenuto, senza puoi inserire tutte le key che vuoi non andrai da nessuna parte. Il SEO è un insieme di azioni da combinare in ogni pagina, in modo particolare l’home page, ma tutte poggiano sul contenuto. Le keywords, i tag e tutta la formattazione senza un buon contenuto non serviranno a nulla o quasi!

La scrittura contenuti di qualità SEO, ovvero ottimizzati per tale scopo, hanno un ruolo fondamentale per ogni sito. Se lo scopo è quello di posizionare un sito in base ad un argomento specifico, impossibile non tenerne conto. Ignorare i contenuti vuol dire non raggiungere alcuna posizione nelle SERP di Google, quindi si è tagliati fuori. A questo punto ti starai domandando qual è l’impegno economico per produrre contenuti di qualità, la risposta è “dipende”. I fattori in gioco sono molti, target, prodotto, servizio, concorrenza ecc. Per questo occorre avere le idee chiare quando si chiede un preventivo per un piano editoriale.

Perché sono importanti i contenuti SEO di qualità in ordine di priorità:

  1. Posiziona il sito web
  2. Arricchisce il sito e offre un servizio all’utente o cliente
  3. Google premia tali contenuti
  4. Aumenta il traffico e contatti
  5. Migliora il trust del sito
  6. Mantiene il posizionamento raggiunto

Questi punti sono più che validi per farci un pensiero, in termini pratici possiamo tradurli in più vendite e fatturato. Perché incrementare presenza e popolarità porta solo a questi risultati, più consensi più contatti e vendite. E il vantaggio maggiore sarà quello che non dovrete cercare nessuno, ma saranno gli utenti a trovare voi!

Quanto costa la scrittura contenuti di qualità?

Anche in questo caso dipende da differenti opzioni, quanto vale un testo che posiziona il sito in prima pagina di ricerca? E quanto vale la prima posizione? Oltre a questo, vanno considerati diversi parametri, in primis la lunghezza. Che a esser taccagni non deve mai stare sotto le 300 parole, poi va considerata anche la qualità di scrittura. Anche l’ottimizzazione SEO, il taglio del contenuto ed eventuali immagini a corredo. Un buon testo si compone di questi elementi, la scrittura articoli di qualità non può essere un’opzione. Un buon piano editoriale dovrebbe essere fatto tutto l’anno, magari anche di un solo post settimanale. A Google piace catalogare i siti attivi, quindi vivi e vegeti!

Un piano editoriale minimo su base annuale, con pubblicazione di un articolo a settimana, ha un costo medio è di 900 Euro. Meno di 80 Euro al mese per pubblicare articoli SEO da 300+ parole settimanalmente, il minimo sindacale! Il ROI in questo caso è stimabile da 2 a 4 volte tanto quanto investito. Ovviamente in termini di traffico, contatti e successive vendite, anche se la conversione finale poi dipende dal sito e azienda. Questo è quanto, se l’obiettivo del sito è quello di intercettare utenti e convertirli in clienti, non ci sono altre vie. In questo caso stiamo parlando di inbound marketing, quindi persone molto interessate al prodotto o servizio. Una volta atterrate sul sito, le probabilità di conversione aumentano esponenzialmente, ovvio a patto che il sito non sia una ciofeca 😄